Stufato di faraona

Faraona-polenta-fill-550x320 Stufato di faraona

 

Questa prelibata pietanza veniva preparata in passato dalle monache Agostiniane nel Monastero di Santa Croce o di Santa Chiara a Montefalco (Pg), che pero utilizzavano il piccione. Le monache erano famose per la loro cucina, che includeva la torta d'erbe (con bietole e borragine) e gli gnocchi di Natale  ( con noci e cioccolata).

 

INGREDIENTI

per lo stufato:

  • 1 faraona con le interiora da parte 
  • 1 scalogno 
  • 1 spicchio d'aglio 
  • 1 ciuffo di prezzemolo 
  • 2 foglie di salvia 
  • 1 ciuffo di rosmarino 
  • 1 manciata di capperi sottosale 
  • 4 acciughe sott'olio 
  • 1 limone 
  • vino  bianco
  • aceto bianco
  • olio di oliva 
  • sale

per la polenta:

  • 1 l d'acqua 
  • 500 g di farina di mais 
  • 20 g di burro 
  • sale

PREPARAZIONE

Sistemate la faraona in una teglia con un filo di olio di oliva, un pizzico di sale e qualche ago di rosmarino .

Nel frattempo lavate, asciugate e tritate le interiora della faraona insieme con la scalogno, l'aglio, il prezzemolo, la salvia, gli aghi di rosmarino, i capperi lavati e strizzati e le acciughe scolate dall'olio di conserva (io non metto,perché non piace al mio figlio). Aggiungete qualche goccia di succo di limone, poco vino bianco (io metto brodo quello che ho) e amalgamate bene il tutto fino a ottenere una poltiglia fine e omogenea. Cuocete in un tegame il trito per 15 minuti.

Farcite la faraona con il ripieno e infornate per 40 minuti a 180°C, coprendo il tegame con un foglio di alluminio.

Preparate la polenta: portate a ebollizione l'acqua, salatela, aggiungete la farina a pioggia, il burro e cuocete mescolando continuamente per circa 5 minuti.

Servite la faraona con la polenta morbida.

Buon appetito 

Ricette Casa, piatti della tradizione per la Vostra tavola - Sitemap  |  Privacy